#20ANNIINSIEME: una festa lunga un mese

26 marzo 2023 di
info@homeland3d.com
| Ancora nessun commento

Abbiamo salutato Mary e Judith da poche ore e già ci mancano per questo vogliamo ripercorrere il loro viaggio, per condividerlo con voi e fissarlo nella memoria. La loro presenza qui è stata preziosa e ha dato molti frutti: poterci confrontare con loro, ascoltare le loro testimonianze e le storie dei bambini è stata nuova linfa per le nostre attività.

Il loro viaggio è iniziato a Roma: qui hanno visitato la città e hanno incontrato alcuni membri del Gruppo India, associazione che da ormai 2 anni sostiene il progetto del Caef.

La seconda tappa è stata Milano. Al Leone XIII Judith e Mary hanno incontrato volontari, famiglie e donatori per un momento di aggiornamento e confronto, oltre che per vivere insieme un momento di convivialità, dopo tanto tempo distanti. Ma non solo!

Sempre al Leone XIII hanno incontrato le classi della secondaria di I grado che, grazie all’incredibile lavoro delle docenti Mariella La Rosa e Gaia De Vecchi, hanno stretto un’amicizia a distanza con alcuni bambini del Caef. Tante sono state le domande e le curiosità sui loro “compagni a distanza” peruviani e sul progetto del Caef a cui Mary e Judith hanno prontamente risposto.

Da Milano il treno veloce le ha portate a Torino, dove gli appuntamenti sono stati davvero tanti. Il primo è stato al Consolato Peruviano a Torino: qui insieme alla nostra consigliera Giovanna Gautier si sono potute confrontare con il Console e si è iniziato a parlare di possibili collaborazioni e progetti in Italia.

 

Milano Consiglio CDP

 
Il secondo appuntamento è stato alla fabbrica della Ellena SPA, azienda che sostiene e spinge il progetto fin dai suoi albori. Judith e Mary hanno finalmente incontrato i dipendenti della fabbrica che tante volte hanno sentito parlare di loro e del Caef, ma mai le avevano incontrate. Questo è stato un momento molto toccante, tanto che diversi di loro hanno insistito per abbracciarle!

 
I festeggiamenti per i #20ANNIINSIEME sono entrati nel vivo il sabato mattina quando i volontari torinesi hanno infatti organizzato un brunch conviviale presso il Centro Paideia: in questa occasione Judith e Mary hanno potuto raccontare i progetti in corso e raccontare le storie dei bambini del Caef a tanti amici e sostenitori, ma anche a qualche persona che ci incontrava per la prima volta.

 
Infine a Torino è stato possibile anche l’incontro con alcune classi dell’Istituto Sociale, con cui speriamo i bambini del Caef possano presto instaurare nuove amicizie a distanza!

Da Torino Judith e Mary si sono spostate a Venezia: grazie alla guida della nostra cara volontaria Silvia Perissinotto hanno potuto vivere qualche giorno alla scoperta della laguna e di una delle città più affascinanti del nostro paese.

Lasciata la Serenissima è stata di nuovo la volta di Roma, per un weekend tanto importante per la nostra storia insieme quanto per la nostra vita associativa.

Qui abbiamo festeggiato i #20ANNIINSIEME: presso il Panda Sporting Club oltre 100 persone tra volontari, famiglie, amici e sostenitori hanno ascoltato le testimonianze di Judith e Mary e hanno trascorso una serata all’insegna della festa e della convivialità.

Tra loro c’era anche la famiglia Curzio, che ci ha permesso di dedicare la serata e un momento particolare al nostro caro volontario Nicola Curzio, figlio e fratello, che è venuto a mancare lo scorso anno a causa di un male incurabile.

Il giorno seguente si è tenuta l’assemblea soci della Compagnia del Perù nel corso della quale è stato eletto il nuovo Consiglio Direttivo dell’Associazione e che quindi è ora composto da: Francesca Calliari (presidente), Tiziana Casti, Giovanna Gautier, Luca Galante, Giuseppe Marletta, Ludovica Giuliani.

Nei giorni successivi Mary e Judith hanno incontrato anche alcune classi dell’Istituto Massimo, grazie alla collaborazione del prof. Edoardo Prandi che da quando ci ha conosciuti non ha mai smesso di sostenerci.

Dopo questa seconda sosta romana, giovedì scorso Mary e Judith sono volate in Sardegna, a Cagliari, dove i nostri volontari hanno organizzato un weekend ricco di eventi e occasioni di incontro e condivisione.

La prima occasione è stata quella con la Scuola Calcio Gigi Riva: qui allenatori e allievi hanno voluto consegnare personalmente a Judith e Mary diverso materiale sportivo per permettere ai bambini del Caef di giocare a pallone!

 Il giorno seguente hanno invece incontrato le classi della primaria e della secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo La Marmora di Monserrato. Anche in questo caso bambini e ragazzi incontrati hanno ormai da tempo stretto amicizia a distanza con alcuni bambini del Caef e non vedevano l’ora di ricevere loro notizie di prima mano! Questo momento è stato possibile grazie all’instancabile lavoro dei docenti di tutte le classi coinvolte, coordinati dalla maestra Valentina Sanjust promotrice del progetto, e al supporto di tanti genitori che già da due anni ci sostengono in tanti modi.

Un altro momento importante è stato quello della cena per i volontari, le famiglie e i grandi donatori presso l’affascinante location del Convento di San Giuseppe a Cagliari. Qui Mary e Judith hanno potuto dare testimonianza del lavoro che quotidianamente svolgono al Caef e in particolare nella Casa de Tuty.
La serata è stata animata dai brani di musica sudamericana suonati da Pedro, nostro volontario, e Domenico, ormai da anni nostro sostenitore.

Ancora i volontari e le loro famiglie hanno tenuto compagnia a Judith e Mary il sabato: questa è stata una giornata dedicata a confronti più intimi e per questo intensi e emozionanti.

La domenica sera invece la CVX di Cagliari ha reso possibile l’evento #20ANNIINSIEME nella città: oltre 80 le persone presenti, tantissime coloro che ascoltavano Judith e Mary, o sentivano parlare del progetto del Caef per la prima volta.

Il viaggio italiano di Mary e Judith si è concluso con un momento tanto emozionante quanto da loro desiderato: una pizza in semplicità con i ragazzi siriani che grazie al Progetto Educativo studiano e vivono a Cagliari ormai da alcuni anni. Questi ragazzi, provenienti da una terra martoriata dalla guerra, da quando ci hanno conosciuto non hanno mai smesso di aiutarci in tantissimi modi.


E di questo, come della lunga e raggiante presenza di Judith e Mary in Italia, non possiamo che rendere grazie!

Condividi articolo
Accedi per lasciare un commento