Lotta alla fame: al via il progetto Compartir

Come il 72% della popolazione peruviana, anche la maggior parte delle famiglie della Campina de Moche sopravvivevano grazie a lavori informali, come la vendita ambulante.

Fino al marzo 2020.

Da un giorno all’altro queste famiglie hanno smesso di lavorare: senza più un soldo, hanno iniziato a soffrire la fame.

Molte di loro si sono rivolte al Caef, e il Caef ha aperto loro le porte.

Il messaggio vocale di una donna rivolto a Judith, fondatrice del Caef

Hanno condiviso fino ad oggi le donazioni alimentari ricevute dalla catena PlazaVea, ma non basta.

Oggi, l’emergenza sanitaria non è finita e ad essa si sono aggiunte la forte instabilità politica e l’inflazione. Le famiglie più fragili continuano ad essere in difficoltà.

Anche una bottiglia d’olio di semi è diventata un lusso, a causa del suo costo cresciuto esponenzialmente.

Nasce quindi il progetto Compartir, condividere.

Il suo obiettivo e quello di sostenere in maniera continuativa e stabile 30 famiglie della Campina de Moche, distribuendo settimanalmente cesti alimentari contenenti le donazioni di PlazaVea e integrati con altri alimenti indispensabili.

E noi siamo molto emozionati che questa nuova avventura abbia inizio: ecco a voi alcuni scatti della prima distribuzione del 2022!

fame bambini perù fame bambine perù fame famiglie perù